SEM e SMM. Dal Marketing tradizionale a quello digitale, 22 leggi incluse

Condividi
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Dal Marketing Tradizionale al Marketing Digitale per le tue campagne pubblicitarie, 22 leggi immutabili incluse.
Cosa troverai in questo articolo
Argomenti Correlati
Pagine | Scopri i servizi

Il Marketing Digitale non nasce dal nulla e fonda le sue radici nelle regole del Marketing Tradizionale. Le attività necessarie e definite tramite il programma Google Ads, pendono il nome di SEA, acronimo di Search Engine Advertising. SEO (Search Engine Optimization) e SEA possono essere indipendenti, anche se è assolutamente sconsigliato l’utilizzo in tal senso, oppure coesistere al fine di migliorare e completare il lavoro di posizionamento e di valutazione ranking di un Sito Web.

Si parla, quindi, di SEM, acronimo di Search Engine Marketing. Se, al contrario, la strategia è tutta incentrata sui Social, allora si dovrà far fronte alle pratiche della SMM, acronimo di Social Media Marketing. Tuttavia, è sempre gran cosa in generale, cercare di non buttare via i soldi.

Prima di effettuare qualsiasi tipo di azione a pagamento accertati che, analizzando il tuo Sito Web, siano spuntate tutte le voci di questa checklist:

  • Risiede su un Hosting sicuro, affidabile e veloce;
  • È aggiornato;
  • Ha un certificato SSL e protocollo HTTPS (HTTP/2);
  • Supporta la versione mobile (responsive);
  • Rispetta ed è conforme al GDPR;
  • Possiede un account Google per Analytics, Tag Manager e Search Console;
  • La SEO è perfetta … o quasi;
  • Il suo traffico mensile è buono;
  • Ha pagine Social correlate;
  • Nel core ha installato il Pixel di Facebook.

Se tutte queste attività sono attuate e conformi, allora, puoi iniziare eventualmente, a pensare alle tue campagne. In generale per prima cosa devi definire un pubblico e un target preciso. Se la tua attività è già avviata allora passa alla parte del Marketing Digitale ma, se vuoi, leggi anche la seguente.

Marketing tradizionale

Pubblico perfetto

L’indagine di mercato deve essere indirizzata ad un pubblico selezionato in base ad un approccio iniziale che può essere di massa, settorializzato o di nicchia. Ricorda che più segmenti il target, più la richiesta cala e i costi crescono ma di sicuro avrai più Clienti felici e fidelizzati.

Suddivisione del target

Sappi che esiste una suddivisione di mercato importante, ovvero quella che definisce il B2B (Business to Business) e il B2C (Business to Consumer). In base a questa, avrai a disposizione caratteristiche differenti dei tuoi potenziali Clienti sulle quali operare e da incrociare con le indagini precedenti.

Nel B2B, infatti, potrai contare su specifiche come settore, dimensione dell’azienda, necessità da soddisfare, abitudini contrattuali. Nel B2C, al contrario, sesso, età, stato di famiglia, budget, tipo di lavoro, interessi, lingua e indirizzo.

Posizionamento d’impresa o Brand positioning

A questo punto, hai individuato l’utente perfetto e il mercato di partenza. Devi “posizionarti” sul mercato. Per posizionamento s’intente il modo in cui un prodotto trova collocazione nella mente del potenziale consumatore e, di conseguenza, come l’azienda viene collocata nella mente del consumatore.

In buona sostanza devi trovare le strategie giuste affinché il tuo Brand o il tuo prodotto sia vincente e impresso nella mente del potenziale acquirente.

Le regole del Brand Positioning

Le modalità di posizionamento vengono definite tramite azioni come la differenziazione dei prodotti, prezzi o dell’immagine e si basano su postulati marketing comeLe 22 immutabili leggi del marketing. Se le ignorate, è a vostro rischio e pericolo!” libro caposaldo del Marketing ad opera di Al Ries e Jack Trout. Fondamentali per capire come puoi agire, dove e verso chi.

Una strategia errata, troppa arroganza o sicurezza, idee avventate, possono decretare la fine della tua Azienda ancor prima di iniziare la scalata alla vetta.

01# La Legge della Leadership

“É meglio essere i primi che meglio degli altri”
Non focalizzarti sul fare un prodotto/servizio migliore della concorrenza, nel marketing vince la percezione.

02# La legge della categoria

“Se non potete essere i primi di una categoria, inventatene una nuova in cui diventarlo”
La domanda che ti devi fare riguarda il dove puoi essere il primo non come puoi battere la concorrenza.

03# La legge della mente

“É meglio essere i primi nella mente che i primi sul mercato”
Ogni tuo sforzo diventa vano se non riesci a primeggiare nella mente del Cliente.

04# La legge della percezione

“Il marketing non è una battaglia di prodotti, è una battaglia di percezioni”
Manipolare la percezione che la gente ha sul tuo prodotto è la mossa vincente.

05# La legge della focalizzazione

“Il concetto più potente nel marketing è possedere una parola nella mente del cliente potenziale”
Il tuo prodotto o marchio è impresso nella mente delle persone tanto da diventare richiamo inconscio ad esso.

06# La legge dell’esclusività

“Due aziende non possono possedere la stessa parola nella mente del cliente potenziale”
Battere un concetto impresso è una battaglia persa in partenza.

07# La legge della scala

“La strategia da usare dipende da quale piolo della scala occupate”
Se nella scala globale non sei al primo posto, adatta la tua strategia.

08# La legge della dualità

“A lungo andare ogni mercato diventa una corsa a due cavalli”
Per un nuovo prodotto partono in tanti ma alla fine, nella mente del Cliente, ne rimangono solo due o tre.

09# La legge dell’opposto

“Se vi battete per il secondo posto, la vostra strategia è dettata dal leader”
Lavora in funzione di chi sta sopra di te ma non copiarlo.

10# La legge della divisione

“Nel tempo una categoria si dividerà in due o più categorie”
Nei mercati nuovi si parte sempre con una categoria ma alla fine ne nascono altre come dipendenti da essa.

11# La legge della prospettiva

“Gli effetti del marketing si fanno sentire nell’arco di un periodo di tempo prolungato”
Fondamentale anche in campo SEM o SMM. I risultati sono a lungo termine come le strategie e le azioni.

12# La legge dell’estensione di una linea di prodotti

“C’è una pressione irresistibile a estendere il patrimonio di marca”
Quasi sempre decisione deleteria. Chi ha provato, ha fallito.

13# La legge del sacrificio

“Bisogna rinunciare a qualcosa per ottenere qualcosa”
Non puoi soddisfare le esigenze di tutti e non puoi produrre tutti i prodotti.

14# La legge degli attributi

“Per ogni attributo esiste un attributo contrario ed efficace”
Collegata alla legge dell’esclusività, la tua strategia deve focalizzarsi nell’identificare quel attributo utile a contrastare la concorrenza.

15# La legge della sincerità

“Se ammettete una qualità negativa, il cliente potenziale ve ne riconoscerà una positiva”
In tutto … la sincerità paga sempre!

16# La legge della singolarità

“In ogni situazione solo una mossa produce risultati sostanziali”
Hai solo una cosa a cui pensare, essere innovativo pensando a lungo termine.

17# La legge dell’imprevedibilità

“A meno che non scriviate i piani dei vostri concorrenti, non potete prevedere il futuro”
Studia e analizza le tendenze del tuo settore perché il futuro è imprevedibile e incerto.

18# La legge del successo

“Il successo spesso porta all’arroganza, e l’arroganza al fallimento”
Si commenta da sola.

19# La legge del fallimento

“Il fallimento va messo in conto ed accettato”
Al pari della sincerità, senza umiltà non si va lontano.

20# La legge della montatura pubblicitaria

“La situazione è spesso il contrario di come appare sulla stampa”
Troppa pubblicità fa male. Sesso è sinonimo di -“Ti prego guardami sono in difficoltà e ci sono anche io”.

21# La legge dell’accelerazione

“I programmi di successo non sono costruiti su mode passeggere, sono costruiti sulle tendenze”
Successo lampo? Ok il mercato è morto e adesso? Devi ricominciare da capo.

22# La legge delle risorse

“Senza finanziamenti adeguati un’idea non può decollare”
L’esecuzione è importante, l’idea anche ma se non hai fondi, dove vuoi andare?

Marketing digitale

Personas

Le personas non sono altro che identikit virtuali di Clienti ideali, che vengono rappresentati da caratteristiche e specifiche come bisogni, comportamenti, interessi e aspirazioni.

Puoi identificarle attraverso gli strumenti come Google Analytics, che ti fornisce importanti spunti su chi naviga ed utilizza il tuo Sito Web o interazioni create ad hoc come questionari, sondaggi e conversioni da moduli di richiesta informazioni o, ancora meglio, strumenti professionali come Make My Parsona di HubSpot. Scoperte queste, osserva cosa fanno gli altri.

Marketing Digitale | My Persona 

Analisi dei competitor

A questo punto probabilmente hai le idee chiare su chi sei, cosa proponi, su quale mercato vuoi operare e a chi vuoi rivolgerti. Nella SEM, ora è il momento di analizzare i tuoi competitor digitali attraverso l’analisi della concorrenza.

Osserva come e se utilizzano strategie di Digital Marketing, guarda il loro copy, in che modo attraggono gli utenti anche da un punto di vista visivo. Non copiare ma prendi spunto e innova. Per far questo, utilizza la ricerca di Google per determinate parole chiavi o strumenti avanzati come quelli offerti da SEMrush che ti permettono di visualizzare eventuali campagne Ads o Social dei tuoi concorrenti.

Marketing Digitale | SEMrush ADV Research 

Analisi delle parole chiavi

Allo stesso tempo e modo, effettua un’analisi approfondita delle parole chiavi, long tail keywords, per le quali vorresti avviare la tua campagna di riferimento. Sfrutta le potenzialità di strumenti free come Google Keyword Planner  o potenti e professionali come SEMrush o SEOZoom.

Inserisci le parole d’interesse e analizzane i dati come volume di ricerca, importanza e costo per click strizzando l’occhio anche alle parole suggerite dai tool e osserva come sono posizionati i tuoi competitor per quelle keywords.

Marketing Digitale | SEMrush Keywords Research 

Campagne ADV

Argomenti Correlati
Articolo | 4 Marzo 2019

Creatività deve essere il tuo grido di battaglia. Sei pronto a pubblicare e non ti resta che scegliere il formato corretto per il tuo obiettivo, Google Ads ti offre la possibilità di creare annunci testuali, annunci visivi, annunci e-commerce e video annunci (molto costosi); Facebook, al contrario, solo annunci in cui la creatività la fa da padrone attraverso immagini, slideshow o video.

Il bello della SMM è che ha un tasso di conversione molto più elevato e, quindi, un ROI (Return of Investiment) migliore. Salvo casi specifici, consiglio sempre di optare per la creazione di campagne SMM; la tecnologia sta facendo passi da gigante e sta portando il mercato verso l’uso esclusivo della navigazione mobile e, quindi, l’uso di nuove tecnologie come la ricerca semantica vocale.

Cosa vuol dire tutto ciò? Che il mondo sarà sempre più Social e meno Desktop.

Marketing Digitale | Creatività Facebook 

Conclusioni

Spero di averti aiutato nella comprensione generale di cosa vuol dire fare Marketing Digitale e quali siano gli steps e strumenti necessari.

Ovviamente ci sarebbe molto da scrivere per ogni punto ma, escludendo quello che ignoro sul tuo livello di conoscenza, questo è pur sempre un articolo di un blog e non una guida completa.

Sono comunque a disposizione, come saprai già, per fare volentieri due chiacchiere con te qualora avessi bisogno di un aiuto o di una consulenza approfondita.

Per ora … buon marketing. 😉

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Gian Luca Partengo

Gian Luca Partengo

Professionista del Web e del Marketing da oltre 20 anni. Ha lavorato per importanti Agenzie e Aziende italiane e ha creato e seguito passo a passo il Brand di numerosi Clienti. Oggi sviluppa progetti altamente professionali a partire da un'analisi sullo stato di salute di un Sito Web e della sua SEO Organica, fornendo anche consulenza a privati e aziende.

Potrebbero Interessarti anche ...

MAIN PARTNERS

Get in Touch

Ci sono molti modi per iniziare una conoscenza o rimanere in contatto e BRiDWEB ti mette a disposizione i migliori: modulo di contatto, e-mail, WhatsApp o chiamata. Scegli tu quale usare.