Facebook noscript Pixel

Ottimizzare WordPress. Quando WP Rocket non funziona su GTmetrix.

Ottimizzare Wordpress con WP Rocket è facile. Tuttavia ci possono essere casi limite in cui WP Rocket non funziona e non raggiungi la classe A su GTmetrix.
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Categorie

Ottimizzare WordPress. Quando WP Rocket non funziona su GTmetrix.
Cosa troverai in questo articolo

Ottimizzare WordPress con WP Rocket è facile. Tuttavia ci possono essere casi limite in cui WP Rocket non funziona e non si raggiunge la classe A su GTmetrix.

Ohh … ecco un nuovo articolo, finalmente!!

Sì, lo so! Non scrivo da parecchi giorni ma, credetemi, non è colpa mia 😜

Fortunatamente, lavoro e il tempo da dedicare al blog diventa davvero esiguo; in ogni caso, se proprio devo dirlo … preferisco così.

Premessa fatta, veniamo al contenuto del post. Ci tengo a precisare alcune cosine:

  • Questo articolo prende in considerazione UNO ed UN solo esempio di problematica legata a questa combinazione: WordPress e WP Rocket;
  • La perfezione e l’utilità di WP Rocket non sono mai messe in discussione

Ed ecco i fatti …

Ottimizzare WordPress

Neanche a dirlo, un Sito Web Professionale implica non solo adeguate e meticolose tecniche di design, usabilità, SEO ecc ma anche e soprattutto accorgimenti tecnici (e non solo) legati alla propria ottimizzazione.

Cosa s’intende per ottimizzazione?

Ottimizzare WordPress e quindi un Sito Web significa renderlo veloce e senza errori. L’incompatibilità tra eventuali plugin, tra plugin e temi o i classici errori javascript, ne riducono di molto l’usabilità e le prestazioni stesse.

Tutto ciò fa si che Google tenda a non considerare al meglio il tuo Sito quando questo viene scansionato e indicizzato.

Quali strumenti usare?

Dietro quello che un utente vede ci sono righe e righe di codice che generano la struttura HTML, quella grafica degli stili CSS e quella dinamica di programmazione degli snippet JS o PHP.

Bisogna trattarli, eventualmente correggerne le incompatibilità, comprimerli ecc.

In giro ci sono parecchi plugin che svolgono questi processi, WP-Optimize, W3 Total Cache, ecc. e poi c’è WP Rocket.

Dopo anni di prove, test, check, compatibilità … per me il numero uno!

WordPress e WP Rocket.

Una volta installato, si presenta con una grafica pulita e intuitiva tanto che, con pochi click, è possibile ottimizzare facilmente il proprio Sito Web.

Rimando al link in alto per la guida completa del plugin.

Lo sviluppo del Sito in staging e il primo controllo.

Come faccio sempre quando devo lavorare su un nuovo progetto, apro un ambiente di staging (WIP – Work In Progress) nel quale si possa sviluppare il tutto senza compromettere nulla.

Tutto ok, Sito a posto, WP Rocket installato e configurato, pagine finite, articoli anche.

Faccio un controllo su GTmetrix, il tool numero uno per questi test, è il risultato è esattamente quello cercato.

GTmetrix | Controllo Sito Web staging | Classe A 

Tutto ottimizzato, Sito OK e classe A di merito, la migliore!

Mi dico, perfetto, possiamo pubblicare.

La pubblicazione del Sito online

Eseguo lo switch come da manuale, quindi andando anche a modificare le URL di riferimento.

Tutto ok, ora il contenuto che prima era su https://wip.nomesito.it ora è su https://www.nomesito.it e viceversa.

Faccio ulteriori controlli per verificare che non vi siano errori lato server con i protocolli e certificati SSL, verifico i link, media ecc.. tutto ok.

Il controllo del Sito online

Svuoto la cache di WP Rocket, rigenero i file critici, sistemo file htaccess e robots e installo WPML per la gestione delle lingue.

Non mi rimaneva che effettuare il controllo su GTmetrix.

Sorpresa! Il Sito era in classe C e presentava i classici errori di ottimizzazione.

GTmetrix | Controllo Sito Web online | Classe C 

Allora WP Rocket non funziona!!

Non proprio ma era come se WP Rocket non avesse funzionato; eppure il Sito online era praticamente identico a quello in staging salvo per WPML.

Inizio ad indagare

Come è buona abitudine fare in questi casi, ripercorro gli step della pubblicazione a ritroso per cercare di individuare il problema.

  • Controllo e confronto sui due Siti Web le impostazioni di WordPress;
  • Controllo e confronto sui due Siti Web le impostazioni del tema e dei plugin;
  • Controllo e confronto sui due Siti Web le impostazioni di WP Rocket;
  • Controllo e confronto sui due Siti Web script, htaccess ecc.

Nulla! Tutto identico, tutto perfettamente clonato.

WPML, quello non c’era però!

Perfetto! Clono, al contrario questa volta, il plugin e rifaccio le verifiche del caso.

Nonostante tutto, il Sito in staging ancora classe A, quello online sempre in classe C.

Apro un ticket e cerco online

A questo punto, inizio a cercare su Google qualche info interessante o, quantomeno, minimamente paragonabile a questo caso.

Notte anche qui.

Contatto l’assistenza di WP Rocket per cercare di fare brainstorming con loro.

WP Rocket non funziona … ma loro gentilissimi, mi seguono, ed insieme cerchiamo di venire a capo della cosa.

Nulla, tutto appare normale e inspiegabile.

Poi mi chiedono l’accesso FTP! Mi si accende una lampadina.

Server, cartelle e file.

Poiché WP Rocket scrive dinamicamente dei file all’interno delle cartelle di WordPress, ho pensato di controllare anche questi: ultima spiaggia.

Il plugin, secondo la propria esauriente guida, genera una struttura di questo tipo:

WP Rocket | Struttura delle cartelle FTP 

Apro, dunque, il client FTP (uso FileZilla) dei due Siti Web e controllo e verifico le cartelle.

Sito Web in staging, cartella min/1

FTP | Controllo cache Sito Web staging | OK 

Sito Web online, cartella min/1

FTP | Controllo cache Sito Web online | KO 

Il problema era evidente! WP Rocket non scrivevagenerava i file per ma compressione e/o minificazione dei file.

Restava da capire il perché.

Tutta colpa di un file!

Uno dei file più importanti del plugin WP Rocket è senza dubbio quello denominato advanced-cache.php.

WP Rocket | Struttura delle cartelle FTP | advanced-cache.php 

Questo, non solo si porta dietro informazioni del plugin ma anche quelle del Sito di provenienza.

Andando, quindi, per esclusione, cancellando e cercando di far ricreare i file del plugin dal plugin stesso, non rimaneva che rigenerare anche questo che, stupidamente, non avevo valutato prima.

Cancellato via FTP e fatto ricreare da WP Rocket mediante l’apposito pulsante Cancella la Cache (lato back-end di WordPress), ho immediatamente aggiornato la cartella.

Ecco comparire (finalmente) i file tanto attesi.

FTP | Controllo cache Sito Web online | OK 

Il controllo (nuovo) del Sito online

Non mi rimaneva che effettuare il check su GTmetrix del Sito online.

GTmetrix | Controllo Sito Web online | Classe A 

Finalmente tutto era splendidamente a posto! Problema risolto e missione compiuta: ottimizzare WordPress!

Conclusioni

Magari non vi capiterà mai, magari sì, la cosa certa è che, aver risolto questo problema significa aver capito che per ottimizzare WordPress …

nulla, significa che la prossima volta, si parte dal fondo 🤣🤣

SEO Tester Tool

Hai mai provato a verificafre lo stato di salute della SEO del tuo Sito Web?
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Gian Luca Partengo

Gian Luca Partengo

Professionista del Web e del Marketing da oltre 20 anni. Ha lavorato per importanti Agenzie e Aziende italiane e ha creato e seguito passo a passo il Brand di numerosi Clienti. Oggi sviluppa progetti altamente professionali a partire da un'analisi sullo stato di salute di un Sito Web e della sua SEO Organica, fornendo anche consulenza a privati e aziende.

SEO Tester Tool

Verifica GRATIS la salute della SEO del tuo Sito Web!