Errori SEO organica: Quali sono gli errori più comuni.

Condividi
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Errori SEO organica: Quali sono gli errori più comuni nella SEO ON-Page? Cosa non devi fare e cosa fare per avere un Sito Web (quasi) perfetto.
Cosa troverai in questo articolo

Errori SEO organica. Quali sono gli errori più comuni nella SEO ON-Page? Cosa non devi fare e cosa fare per avere un Sito Web (quasi) perfetto.

Non c’è che dire, ad oggi e purtroppo, molte Aziende pensano che i loro Sito Web siano quanto meno a posto da un punto di vista strutturale.

Non è così … e anche la SEO ne risente!

Qualsiasi elemento fuori posto contribuisce, e non poco, a rendere un Sito Web mediocre e poco autorevole.

Non vogliamo che il nostro Brand sia considerato tale e, al contempo desideriamo ottenere un buon posizionamento sulla SERP di Google.

Non rimane altro, quindi, che fare autocritica, imparare e migliorare.

Cos’è la SEO Organica?

La SEO o Search Engine Optimization non è ma sono tutte quelle tecniche e strategie necessarie al posizionamento ed alla corretta indicizzazione di un Sito Web.

Non è corretto, dunque, parlare di formule matematiche o, comunque, di chiara declinazione numerica tipo “faccio questo=posizionamento ai primi posti“.

Come descrivo ampiamente nell’articolo scritto per SEMrushLa SEO non è magia. Ecco le regole delle 4 Parche! – è tutta una questione di Conoscenza, Applicazione, Pazienza e Costanza.

L’obiettivo è riuscire a posizionare correttamente un Sito Web nell’indice dei motori di ricerca senza ricorrere a pratiche di advertising come quelle relative a Google Ads.

Quindi la SEO Organica è l’insieme di regole e strategie da applicare insieme senza fretta e in favore di una indicizzazione corretta.

La suddivisione della SEO Organica

La SEO Organica si può suddividere in tra gruppi separati di azioni: SEO ON-Site, SEO ON-Page e SEO OFF-Site.

La prima si occupa di tutte quelle pratiche da espletare per ottimizzare il server, l’hosting e, in generale, l’ambiente dove è allocato il Sito Web. La seconda prende in esame il contenuto vero e proprio del Sito Web e la terza diventa utile per acquisire collegamenti autorevoli detti backlinks.

In questo articolo ti parlerò della SEO ON-Page, dove gli errori sono più evidenti e paradossalmente meno curati.

Quali sono gli errori più comuni nella SEO ON-Page?

La lista è, ahimè, lunga 😲 ma ti mostrerò i punti più importanti ed interessanti ai fini di una pratica corretta.

Ben, iniziamo … 💪

Attributo ALT nelle immagini

Sottovalutato, l’attributo ALT specifica un testo alternativo per un’immagine, se e quando l’immagine stessa non può essere visualizzata a causa di una connessione lenta, un errore nell’attributo src o se l’utente utilizza uno screen reader.

<img src="nomeimmagine.jpg" alt="Testo Alternativo">

❌ Spesso è errato o peggio, dimenticato
✅ Indica sempre l’attributo ALT e, se possibile, usa le parole chiave.

Errori SEO Organica: Attributo ALT immagini 

Blog

Al fine di acquisire autorevolezza per il dominio e per la SEO, pubblicare costantemente è una delle migliori soluzioni.

❌ Un Sito istituzionale o un blog non aggiornato sono controproducenti.
✅ Pubblica costantemente e mantieni aggiornati argomenti e pagine.

Inoltre, ricordati sempre di offrire un’ottima esperienza utente. Nel Blog, che puoi visualizzare come grid nella welcome page e nella pagina proprietaria, dovrebbe sempre avere queste caratteristiche:

  • Gli articoli devono essere pubblicati almeno 1 volta a settimana;
  • Il contenuto degli articoli deve essere compreso fra le 800 e le 1200 parole;
  • Il contenuto deve avere una struttura degli Headings ad albero. H1, H2 ecc.
  • Ogni articolo deve avere un’immagine di copertina e altri media al suo interno;
  • Le immagini di copertina devono avere tutte le stesse dimensioni;
  • Il contenuto deve contenere link interni ed esterni.
Errori SEO Organica: Blog 

Composizione della URL

La URL, ovvero Uniform Resource Locator, è la stringa che identifica inequivocabilmente una risorsa Web come, ad esempio, l’indirizzo del tuo Sito Web o di una pagina/articolo.

Più la formattazione è usabile ed accessibile e meglio sarà digerita dai motori di ricerca. WordPress, anche in questo, ti aiuta comodamente.

❌ Evita una URL a parametri come https://nomedominio.it/?pageId=332
✅ Usa la formattazione https://nomedominio.it/nomepagina/

Slug (stringa di testo) puliti e senza query string definiscono subito l’argomento e aiutano la SEO.

Errori SEO Organica: Slug URL 

Formati Immagine

Francamente, oggi, diventa difficile sbagliare ed usare immagini con estensione non corretta. I formati sono tanti, JPG, PNG, GIF, SVG, ICO ma ognuno si presta per attività ben distinte e predefinite.

  • JPG: immagini di copertina, commerciali, foto contestuali ecc;
  • PNG: immagini con sfondo trasparente;
  • SVG: immagini vettoriali;
  • ICO: loghi, favicon ecc.

❌ Non usare solo un formato.
✅ Scegli con cura e usa quello corretto in base alle esigenza grafiche.

Errori SEO Organica: Tipi di immagini 

Header

L’header è la parte superiore di una pagina di un Sito Web. Normalmente contiene il logo, il menu principale, un’immagine di copertina o slider, il titolo e la call-to-action relativa.

Non deve occupare tutto lo schermo e, quindi non deve essere full-height (hero) perché spesso gli utenti abbandonano il Sito se non trovano informazioni utili nella prima parte visibile chiamata “Above The Fold“.

In generale, poi, è buona norma inserire nella posizione TOP (sopra il menu), informazioni aziendali che permettano all’utente una rapida azione come una chiamata, l’invio di una email, apertura di una chat ecc.

❌ Soprattutto per Siti aziendali evita l’uso di sezioni header hero.
✅ Crea un header completo, pulito professionale ed esaustivo.

Errori SEO Organica: Header 

Headings H1, H2, H3, H4, H5, H6

Di fondamentale importanza! Ripeto … di fondamentale importanza che tu riesca a sfruttare questi tags.

La struttura è piramidale e, pertanto, non puoi usarli indiscriminatamente all’interno di una pagina/articolo. Rappresentano i titoli delle sezioni di un argomento e contengono le parole chiave di un Sito Web.

La struttura piramidale, prevede 1(UN) solo H1, poi a scendere gli H2 e così via.

❌ Posizionare male o non usare il tag H1 è altamente controproducente.
✅ Inserisci nel tag H1 il titolo della pagina e la relativa chiave di ricerca primaria.

Headings Tag Schema 

N.A.P.

Per N.A.P. s’intende Name, Address, Phone (Nome, Indirizzo, Telefono). Tre dettagli che, al fine di una strategia SEO (soprattutto LOCAL SEO), diventano fondamentali per acquisire autorevolezza.

❌ Una Sito senza il N.A.P. può essere considerato anonimo e sospetto.
✅ Inserisci il N.A.P. nella pagina istituzionale Chi Siamo e nel Footer del Sito.

Errori SEO Organica: N.A.P. 

Open Graph

Open Graph è un protocollo che contiene proprietà importanti del Sito Web. Lanciato da Facebook, permette la corretta condivisione dei contenuti sui canali social. Vengono passate informazioni come titolo, descrizione, immagine di copertina.

❌ Senza l’Open Graph il tuo Sito Web non sarebbe condiviso correttamente.
✅ Assicurati che questo protocollo sia presente e ben configurato.

Errori SEO Organica: Open Graph 

Pagina 404

La classica risposta del server quando riceve una chiamata ad una pagina/articolo che non è più in vita o che ha cambiato URL è l‘errore 404.

Un fastidioso errore che indica all’utente, in una grafica pessima, che la risorsa che sta cercando non esiste più. Oltre che fastidiosa situazione personale, questo errore è anche segnale negativo per Google che interpreta il Sito Web come poco curato, professionale e autorevole.

❌ La cattiva gestione 404 influisce anche sulla SEO.
✅ Crea una pagina 404 ad hoc e sfrutta la potenza dei redirect.

Errori SEO Organica: Pagina 404 

Pagina Autore

La Pagina Autore assume fondamentale importanza nella SEO perché viene identificata come determinante e autorevole soprattutto per chi opera in locale.

Lo Slud della URL di solito è informazioni-generali-su-nomeautore(nomeazienda). Sostituisce l’istituzionale pagina Chi Siamo e il link autore negli articoli del
Blog.

❌ Non sottovalutare la pagina istituzionale Chi Siamo e quella Autore.
✅ Realizzane una professionale che ti conferirà autorevolezza nella SEO.

Robots file

Importante e di base in qualsiasi progetto WordPress. Identificabile come file robots.txt, contiene tutte le informazioni necessarie ai motori di ricerca
per l’indicizzazione del Sito Web.

Fondamentale perché è possibile indicare con precisione cosa e come scansionare escludendo, ad esempio, cartelle sensibili.

❌ Non limitarti mai alle istruzioni di base.
✅ Arricchisci e personalizza il file e inserisci il percorso delle sitemaps.

Errori SEO Organica: File robots.txt 

Semantica e contenuti

Per agevolare l’indicizzazione di una pagina è buona norma utilizzare contenuti
che siano professionali, aggiornati e competenti.

Pertanto è importante scrivere testi che siano mediamente lunghi (non oltre le 1200 parole) e ricchi di informazioni. Pubblica costantemente, magari torna su vecchi articoli ed aggiornane il contenuto, rendi attivo il tuo Sito Web.

Google apprezza chi scrive molto ma soprattutto chi scrive bene e in modo professionale: l’autorevolezza e quindi il posizionamento passa soprattutto da lì.

❌ Non limitare il contenuto del tuo Sito Web alle sole pagine istituzionali.
✅ Scrivi articoli e dimostra di essere competente ed autorevole nel tuo settore.

Sitemap files

La struttura di un Sito Web è generata soprattutto dai link dei vari menu presenti. Quando Google scansiona un Sito va, quindi, a leggere ogni link per capirne architettura, correlazioni e collegamenti.

Ma non basta. Magari il menu è stato realizzato male, non ha sottomenu o qualsiasi altro problema o (strana) esigenza.

Si usano, dunque, file appositi chiamati Sitemap in cui vengono fornite tutte le informazioni necessarie sulle pagine, sugli articoli e su qualsiasi altro file presente sul Sito Web, nonché le loro correlazioni.

Google legge, quindi, questo file per effettuare in modo più accurato, una scansione sul Sito.

Vengono scritte anche altre informazioni come, ad esempio, la data dell’ultimo aggiornamento, la frequenza di modifica ed eventuali versioni in altre lingue delle pagine.

❌ Dimenticarsi di questi files è come penalizzarsi da soli.
✅ Creali, dalli “in pasto” a Google e carica la loro URL nel file robots.txt.

Errori SEO Organica: Sitemap 

Titolo e Descrizione

Sono i campi “meta” usati per indicare il titolo e la descrizione della pagina. Devono essere univoci, contenere le parole chiave e rispettare i parametri relativi alla loro dimensione/lunghezza.

In generale, non usare mai:

  • Titoli o descrizioni uguali;
  • Titoli o descrizioni che non contengono parole chiave;
  • Titoli o descrizioni generiche e fuorvianti.

❌ Una pagina senza titolo giusto non può essere indicizzata correttamente.
✅ Previa analisi, sfrutta il tag H1 per inserire il titolo perfetto.

Errori SEO Organica: Sitemap 

Conclusioni

Questi sono gli errori SEO più comuni e devastanti. Ogni progetto ha comunque esigenze tipografiche e grafiche differenti ma questi punti sono e devono essere applicati su qualsiasi progetto.

Ora sai cosa rispondere alla domanda -“Quali sono gli errori più comuni nella SEO On-Page?

Spero tu possa sfruttare queste indicazioni per migliorare lo stato di salute del tuo Sito Web ma, nel caso, ricorda che c’è sempre il mio servizio RASS (Report Analisi Sito Web e SEO) creato per te.

Buona SEO 😋 … a presto e grazie.

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Gian Luca Partengo

Gian Luca Partengo

Professionista del Web e del Marketing da oltre 20 anni. Ha lavorato per importanti Agenzie e Aziende italiane e ha creato e seguito passo a passo il Brand di numerosi Clienti. Oggi sviluppa progetti altamente professionali a partire da un'analisi sullo stato di salute di un Sito Web e della sua SEO Organica, fornendo anche consulenza a privati e aziende.

Potrebbero Interessarti anche ...

MAIN PARTNERS

Get in Touch

Ci sono molti modi per iniziare una conoscenza o rimanere in contatto e BRiDWEB ti mette a disposizione i migliori: modulo di contatto, e-mail, WhatsApp o chiamata. Scegli tu quale usare.