Contenuti Cornerstone WordPress. Conoscili e usali.

Condividi
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Sì, ti capisco. A parte manuali d’uso o opere tecniche, chi legge di solito un indice di un libro? Tuttavia, è pur vero, che senza un ordinamento preciso, si rischi di non avere una visione lapalissiana dell’argomento.
Cosa troverai in questo articolo

Sì, ti capisco. A parte manuali d’uso  o opere tecniche, chi legge di solito un indice di un libro? Tuttavia, è pur vero, che senza un ordinamento preciso, si rischi di non avere una visione lapalissiana dell’argomento e, quindi, si rischi di saltare di palo in frasca senza capirci nulla.

Cosa sono i contenuti cornerstone?

Argomenti Correlati
Articolo | 07 Marzo 2019
Articolo | 18 Marzo 2019

Ecco, in un Blog WordPress, accade la stessa cosa. In funzione di una SEO corretta, che vede in essere molte pratiche relative all’ottimizzazione del tuo server, di WordPress e dell’acquisizione di backlink,  ma soprattutto per grazia di Google, i contenuti devono essere strutturati in modo analogo.

Deve esserci un argomento padre e, a seguire, tutti gli altri, figli dello stesso e visti come approfondimenti. Questo prende il nome di contenuto cornerstone, importantissimo  e prezioso non solo ai fini SEO ma anche per la realizzazione di un Sito Web Professionale dove, appunto, devi implementare tecniche e design in modo funzionale e creativo.

Perché è importante per la SEO?

Innanzitutto, partiamo dal presupposto che tutti i contenuti all’interno di un Blog debbano rispondere a regole precise:[

  • L’argomento deve essere chiaro fin da subito;
  • Deve trasparire professionalità è competenza;
  • Non deve essere corto ma nemmeno esageratamente lungo, 800/1000 parole bastano;
  • I paragrafi devono essere relativamente brevi e suddivisi, quando possibile, da titoli descrittivi;
  • Fondamentale l’uso dei tag H1, H2 etc.

Argomenti Correlati
Articolo | 25 Febbraio 2019

Assodato questo è probabile che la tua situazione sia abbastanza a posto nella SERP; tuttavia è possibile che la tua authority non sia ancora elevata. Google potrebbe penalizzarti semplicemente per il fatto che, vero, vede molti contenuti arrivare dal tuo Sito Web ma tutti slegati e magari senza logica. Quindi poco attendibili e autorevoli.

Per evitare questa spiacevole analisi, l’unica cosa che devi fare è crearti un piano editoriale e piramidale di articoli correlati e facenti capo ad una unica cuspide: il tuo contenuto cornerstone.

La struttura di collegamento

Argomenti Correlati
Articolo | 15 Marzo 2019

Idealmente il concetto di base è che, già dalla Welcome page, i contenuti o articoli cornerstone WordPress siano già presenti e ben visibili, ma non solo. Questi devono essere raggiunti facilmente anche e soprattutto attraverso collegamenti interni posti negli articoli di approfondimento.

Va da sé che ogni nuovo post che scriverai andrà collegato anch’esso al suo contenuto padre così da farne aumentale la popolarità e, quindi, la considerazione da parte di Google che lo reputerà molto, molto attendibile, credibile e valido ai fini di un ottimo posizionamento.

Un classico esempio di un contenuto cornerstone è la pubblicazione di una guida. In tal senso e per la propria accezione, sarà un qualche cosa di importante, specifico, professionale e utile. Qui, viene usato chiaramente il concetto piramidale di cornerstone e, dunque, avrai sicuramente un capitolo principale e molti sotto capitoli in relazione con il primo.

Quali articoli devo scegliere?

Non posso dirti certamente quali articoli debbano essere cornerstone o meno. La domanda è di per sé retorica e tu, solo tu, puoi sapere quali debbano essere visivamente e strutturalmente più importanti. Certo è che se, ad esempio, il tuo Blog tratta argomenti sulla fotografia, allora potrebbe essere cosa utile e buona, inserire come caposaldo l’articolo su cosa sia la fotografia in generale citando, all’interno, le varie applicazioni possibili.

Gli articoli correlati, poi, le singole attività come la fotografia glamour, naturalistica, ritratto, bianco e nero, street e così via.

Alcuni suggerimenti

Prima di compiere qualsiasi altra azione devi aver ben chiare le parole chiavi da utilizzare.

Trova le parole chiavi adatte

Ti suggerisco, quindi, di prendere un pezzo di carta e iniziare a buttare giù alcune idee. A questo punto, utilizza strumenti come il Keyword Magic Tool di SEMrush per la ricerca delle parole chiavi e verificane il volume sulla SERP. Quelle di maggior peso e, ovviamente relative alla tua attività saranno le chiavi principali del tuo articolo cornerstone. Esempio chiave primaria: fotografia.

Crea l’articolo

Sulla base di quanto detto, adesso puoi scrivere il tuo post cornerstone da zero, oppure riprenderne in mano uno precedentemente redatto e, aggiornarlo. Esempio articolo cornerstone: La Fotografia.

Usa le chiavi coda lunga (long tail)

Partendo dall’analisi delle parole chiavi principali, cerca tutte le varianti delle stesse, possibilmente quelle che vengono definite a coda lunga. Esempio chiave long tail: qual’è la fotografia d’autore.

Genera gli articoli correlati

Su di queste genera gli articoli correlati. Dopodiché collega i tuoi articoli a quello cornerstone. In questo modo avrai una dipendenza e una struttura piramidale, coerente, credibile e pronta per la SEO. Esempio articolo correlato: Scopri qual’è la fotografia d’autore.

Come attivo un articolo cornerstone?

Ci viene incontro, come sempre, il nostro buon Yoast, strumento più che fondamentale nelle pratiche SEO.

Attivare lo strumento

Per prima cosa assicurati che lo strumento sia attivato; senza questo non potrai agire sui contenuti cornerstone.

SEO → Generale → Funzionalità

Yoast | Funzionalità 

Assicurati che le opzioni Contenuto Cornerstone, Contatore di link nei testi e Link suggestions siano attivi. Il primo attiverà la funzionalità seguente per attivare il cornerstone, mentre gli altri due, serviranno al widget che vedremo più avanti.

Attivare il cornerstone ad un articolo

Ora che la funzionalità è attiva, puoi abilitare il tuo post come contenuto cornerstone.

Apri il tuo articolo → Vai allo snippet Yaost → Anteprima snippet → Contenuto cornerstone → Indica come contenuto centrale

Yoast | Indicare contenuto cornerstone


Da questo momento in poi, tutti gli articoli correlati dovranno puntare a lui.

Yoast internal linking

Al fine di non dimenticarsi, ancora una volta Yoast ti viene in soccorso. Nella sidebar destra del tuo articolo (lato backend, quello in fase di scrittura) troverai un widget molto utile. Il plugin ti presenterà gli articoli correlati e, soprattutto quello cornerstone, al quale collegare il post in fase di scrittura.

Yoast | Internal Linking 

Il significato delle icone che ti suggerisco i link

Yoast | Articolo da linkare indica un articolo suggerito da collegare al post che stai scrivendo

indica un articolo suggerito e correttamente collegato

Ottimizza tutto per la SEO

Inutile dirti di ottimizzare tutti i post cornerstone e tutti gli articoli in generale seguendo le indicazione dello snippet Yoast ma non solo, mi raccomando, che tutte le altre regole SEO siano a posto. 😉

Conclusioni

Non sottovalutare mai la potenza della Forza“- no, scusa … questa è altra storia ma, idealmente, si presta alla perfezione. Sfrutta sempre in toto le tecniche SEO perché solo così potrai raggiungere ottimi risultati. Ricorda -“Fare o non fare, non c’è provare!” 🙂

Per ora … a presto e grazie.

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Gian Luca Partengo

Gian Luca Partengo

Professionista del Web e del Marketing da oltre 20 anni. Ha lavorato per importanti Agenzie e Aziende italiane e ha creato e seguito passo a passo il Brand di numerosi Clienti. Oggi sviluppa progetti altamente professionali a partire da un'analisi sullo stato di salute di un Sito Web e della sua SEO Organica, fornendo anche consulenza a privati e aziende.

Potrebbero Interessarti anche ...

MAIN PARTNERS

Get in Touch

Ci sono molti modi per iniziare una conoscenza o rimanere in contatto e BRiDWEB ti mette a disposizione i migliori: modulo di contatto, e-mail, WhatsApp o chiamata. Scegli tu quale usare.