Come scegliere le parole chiave per una SEO perfetta

Condividi
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Come scegliere le parole chiave giuste per una SEO perfetta? La strategia per capire come trasformarle in parole chiave a coda lunga.
Cosa troverai in questo articolo

Come scegliere le parole chiave giuste per una SEO perfetta? La strategia per capire quali scegliere e come trasformarle in parole chiave a coda lunga.

Fra la tante attività utili e propedeutiche ad una corretta strategia SEO, quella relativa alla selezione delle più che famose “parole chiave” è quella più sottovalutata, sconosciuta, peggio usata di tutte.

Eppure è determinante.

Introduzione alla SEO

Per comprendere bene di cosa stiamo parlando è necessario fare un passo indietro e parlare di SEO in generale.

La SEO (Search Engine Optimization) è l’attività preposta e necessaria al fine di indicizzare e posizionare correttamente un Sito Web nella SERP (Search Engine Results Page) dei motori di ricerca.

Un insieme di operazioni che, prima ancora di essere espletate, devono essere ben note e comprese.

La SEO non è un’operazione unica e non si avvale di formule magiche. Come descritto nell’articolo correlato suggerito (lettura consigliata), per fare un’ottima SEO ci vogliono, conoscenza, applicazione, pazienza e costanza.

Le tempistiche di attivazione sono mediamente lunghe e, inoltre, è necessaria una costante analisi per verificarne i risultati ed eventualmente migliorali.

Come dire, esserci non basta più, bisogna farsi trovare e, soprattutto, essere convincenti, autorevoli e professionali.

Riassumendo:

❌ Ho un Sito Web;
❌ Ho un Sito Web che è indicizzato;
✅ Ho un Sito Web che è indicizzato e posizionato correttamente.

Il concetto di “parole chiave” o “chiavi di ricerca”

Le parole chiave, non sono altro che termini specifici e debitamente utilizzati, attraverso i quali un Brand vuole e deve essere trovato durante una sessione di ricerca di un utente generico.

Se la tua azienda si occupa, ad esempio, di salute, le chiavi di ricerca o termini banalmente riconducibili potrebbero essere medicina, rimedio, malessere, dottore ecc.

Come puoi ben vedere, questi sono tutti termini concettualmente validi ma molto molto generici e, comunque, a singola valenza. La loro obsolescenza è abbastanza recente, infatti, oggi le singole parole non vengono più utilizzate e, al loro posto, si parla di parole chiavi a coda lunga (long tail keywords).

La ricerca è cambiata nel tempo così come lo fanno costantemente l’algoritmo di Google e le esigenze degli utenti.

Oggi, è semantica e, sempre più spesso vocale.

In buona sostanza, l’utente moderno per cercare qualche cosa su Google, usa il controllo vocale del proprio smartphone ponendo domande sempre più articolate.

Considerando sempre l’esempio di prima, oggi la ricerca sarà del tipo:

❌ emicrania;
✅ qual’è il miglior rimedio per l’emicrania?

Quindi, il tuo Sito Web, dovrà essere in grado non solo di posizionarsi per quel tipo di ricerca ma, al contempo, essere autorevole e professionale nel rispondere a quella specifica esigenza dell’utente.

Cerca le parole chiave giuste

Parti dal problema per arrivare alla soluzione.

Ok perfetto, NO parole corte, SI frasi lunghe. Tuttavia non bastano per centrare una giusta strategia SEO. Entriamo ancora di più nello dettaglio.

La tua azienda si occupa di salute, nello specifico offre soluzioni per le cefalee e, quindi, cerca di posizionarsi per termini come “cefalee“, “terapie cefalee“, “cefalee soluzioni” ecc.

I risultati però non sono quelli sperati, il traffico è scarso e la ricerca degli utenti non è esaustiva.

Questo accade quando il Brand cerca di farsi trovare per quello che offre senza capire, focalizzarsi e rispondere alle reali esigenze degli utenti.

In questo caso, aver ben chiaro cosa provoca una cefalea è sicuramente la soluzione più corretta. Chi cerca una soluzione al problema, infatti, spesso effettua ricerche utilizzando termini come:

  • nevralgia del trigemino;
  • emicrania continua;
  • contratture muscolari;
  • glaucoma;
  • dolore pulsante.

Quindi, poniti delle domande, effettua ricerche tra pazienti, utenti, blog, forum e cerca di capire quali siano i reali problemi per i quali tu hai la soluzione giusta.

Analizza le parole chiavi trovate

Ok perfetto … di nuovo. Hai trovato le parole chiave corrette, quelle che rispondo ai reali problemi per i quali tu hai la soluzione.

Ma … sono tutte funzionali?

Per capire esattamente quali usare è bene utilizzare strumenti e tools professionali come quelli offerti da SEMrush, piattaforma leader del settore.

Lo strumento Keyword Difficulty, ti aiuta a comprendere alcune caratteristiche fondamentali relative ad esse: la difficoltà e il volume di ricerca.

SEMrush | Keyword Difficulty 

Keyword Difficulty

Indica quali parole chiave sono realisticamente appetibili da usare per la tua strategia SEO e quali, al contrario, sarebbero troppo difficili e viene calcolata in percentuale.

In generale, è possibile suddividere i risultati in 3 livelli:

  • Oltre l’80%: difficoltà alta.
    Per classificare una parola chiave con difficoltà superiore all’80%, dovrai faticare non poco. Indicate per Siti Web già avviati.
  • Dal 60% -80%: difficoltà media.
    Raggiungere la prima pagina per le parole chiave in questo intervallo non sarà facile, ma è più realistico scegliere come target una parola chiave in questo intervallo rispetto a una parola chiave superiore all’80%, soprattutto se il tuo Sito Web ha una certa autorità nel tuo mercato.
  • Sotto il 60%: difficoltà bassa.
    Queste parole chiave sono le più facili da classificare ma le più difficili da trovare. Le parole chiave con difficoltà inferiore al 60%, che hanno anche un volume di ricerca costante, rappresentano le migliori opportunità per classificare le tue pagine con la SEO.

Volume di Ricerca

Rappresenta il numero delle volte che una data parola chiave è stata cercata nella SERP di Google. Più il numero diventa consistente, più la difficoltà di essere trovati aumenta.

Difficoltà media-bassa e alto volume di ricerca

In generale, quindi, cerca di ottimizzare la tua strategia SEO scegliendo le parole chiave con una difficoltà medio-bassa e che abbiano un elevato volume di ricerca. Questa combinazione, ti garantirà di poter puntare sulla giusta strategia SEO.

Dalle parole chiave singole a quelle a coda lunga

In base a quanto scoperto poc’anzi, le tue parole chiave a coda lunga potrebbero e dovrebbero essere:

  • come curare la nevralgia del trigemino?
  • come curo l’emicrania continua?
  • le contratture muscolari portano al mal di testa?
  • un glaucoma può generare mal di testa?
  • ho un dolore pulsante alla testa come curarlo?

Ma come si fa a sapere quali siano esattamente le domande che gli utenti usano per effettuare una ricerca? Anche in questo caso, gli strumenti sono molti e diversi ma io ti consiglio, di nuovo, di affidarti a SEMrush.

La funzionalità Topic Research infatti, ti permette di ottenere preziosi suggerimenti in merito alle query o parole a coda lunga da utilizzare.

SEMrush | Topic Research 

E’ più che sufficiente inserire una chiave di ricerca singola e lasciare che il tool faccia il proprio lavoro. I gruppi di risultati semantici proposti, saranno certificati, sicuri e professionali.

Valuta quelli che sono o possono essere di maggiore interesse per il tuo Brand o il tuo contenuto e verifica le domande più usate.

Trovate queste, la tua strategia SEO può avere inizio.

Conclusioni

Il lavoro sulla SEO non è propriamente semplice e veloce ma, al contempo diventa interessante e ingegnoso a tal punto che, in breve tempo, la parte analitica e strategica diventerà piacevole.

In ogni caso ricorda:

❌ NON ESISTONO formule magiche, ma solo costanti applicazioni e che, tra modifiche e correzioni, porteranno benefici a lungo termine.

Ti ricordo che c’è RASS (Report Analisi Strutturale e SEO), il mio strumento professionale attraverso il quale ti aiuto a capire cosa e come correggere gli errori presenti sul tuo Sito Web.

Per ora … a presto e grazie.

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Gian Luca Partengo

Gian Luca Partengo

Professionista del Web e del Marketing da oltre 20 anni. Ha lavorato per importanti Agenzie e Aziende italiane e ha creato e seguito passo a passo il Brand di numerosi Clienti. Oggi sviluppa progetti altamente professionali a partire da un'analisi sullo stato di salute di un Sito Web e della sua SEO Organica, fornendo anche consulenza a privati e aziende.

Potrebbero Interessarti anche ...

MAIN PARTNERS

Get in Touch

Ci sono molti modi per iniziare una conoscenza o rimanere in contatto e BRiDWEB ti mette a disposizione i migliori: modulo di contatto, e-mail, WhatsApp o chiamata. Scegli tu quale usare.